ASSISTENZA LEGALE

Una volta presentata la Domanda di Aiuto, ogni imprenditore agricolo attende che l’Organismo Pagatore effettui gli opportuni controlli ed eroghi il finanziamento richiesto.

A volte, però, accade che il pagamento non arrivi nei tempi e nei modi stabiliti oppure che risultino delle anomalie e spesso, in questi casi, l’iter amministrativo non chiarisce in modo evidente quali siano le ragioni.

La conseguenza a tutto ciò è sempre il mancato pagamento, totale o parziale, di quanto richiesto dagli agricoltori senza che, anche per svariati anni, se ne conoscano i motivi.

Le situazioni più ricorrenti si possono riassumere nelle seguenti casistiche :

– Errate attribuzioni e Ricalcoli titoli;

– Mancati Controlli;

– Errate Compensazioni;

– Mancate Informazioni sulle Motivazioni;

– Esiti Controlli in loco non rientrati o controlli in loco non ritenuti corretti;

– Mancato aggiornamento delle aree afferenti le Pratiche Locali Tradizionali da parte delle Regioni;

– Problematiche derivanti da aggiornamenti del suolo;

– Correzione Errori Palesi da parte dell’Amministrazione su Aziende a controllo;

– Mancati aggiornamenti dei Fascicoli non di competenza dell’OP AGEA;

In tutti questi casi, l’imprenditore agricolo è tutelato dalla normativa di settore e dalle più recenti pronunce giurisprudenziali le quali riconoscono in capo agli Organismi Pagatori il dovere di motivare, nei termini e nei modi previsti dalla legge, le mancate o parziali erogazioni.

In buona sostanza, le ultime pronunce di alcuni TAR affermano il principio secondo il quale l’Organismo Pagatore deve dare una precisa risposta alle richieste dell’agricoltore, non essendo sufficiente quanto si evince dalla consultazione della schermata Sian: in presenza, pertanto, di mancati pagamenti che si ritengono dovuti é ben possibile procedere legalmente, preferibilmente con una prima, articolata richiesta stragiudiziale e, in caso di mancata o di generica risposta, con la opportuna procedura giudiziaria che, applicando il principio sopra richiamato, in presenza dell’effettivo diritto del produttore, da verificare caso per caso attentamente, dovrebbe portare ad un risultato positivo .

Per ulteriori informazioni potete contattare i nostri legali alla mail: sportellolegale@caadegliagricoltori.it, specificando nel testo i vostri recapiti e l’ufficio da cui scrivete.